Articolo Corriere del Ticino, luglio 2012